19 Novembre 2020

Tieni l’audience calda con eventi in live streaming

Eventi Live Streaming: intrattenere e coinvolgere comunicando lo spirito del brand - il caso Weber

Streaming, live, webinar, le tipologie di eventi on-line sono più numerose dei sette nani, e un po’ come i sette nani possono dare vita a generalizzazioni e confusione. Per questo, dopo l’intervento dedicato al Webinar (ecco qui l’articolo), oggi vogliamo concentrarci su un’altra tipologia di streaming, ovvero gli Eventi Live.

Per farlo porteremo l’esempio di un progetto che abbiamo realizzato per un nostro importante cliente: Weber, un love brand per tutti gli amanti della cucina, e soprattutto del BBQ.

Nel parlarvi della nostra esperienza, ci soffermeremo in particolare su:

  1. Le esigenze del nostro cliente
  2. La soluzione adottata: il progetto Grillers d’Italia
  3. Come promuovere un evento senza ADV
  4. Il gran finale: i risultati, tanta carne e tantissima gioia!

1. Le esigenze del nostro cliente: gestire al meglio un periodo rovente che rischiava di congelarsi

La necessità di Weber era quella di offrire contenuti interessanti in grado di aumentare l’awareness del brand a livello social, gestendo un periodo che giorno dopo giorno si annunciava sempre più complesso a causa del lockdown anti Covid-19 e dell’incertezza sulla sua effettiva durata.

C’è da dire che proprio Marzo e in generale i mesi di primavera sono il momento caldo, anzi caldissimo, per la vendita dei BBQ

Un periodo durante il quale Weber è sempre attivissima anche offline, con numerosi corsi barbecue ed eventi della sua Grill Academy organizzati in tutta Italia presso i loro rivenditori (si parla di più di 400 eventi spalmati in tutto il periodo).

Senza contare la Weber Cup, la competizione che a giugno di ogni anno riunisce gli amanti del BBQ in una maxi sfida a colpi di braci e fiamme roventi per vincere un ambitissimo premio finale e raggiungere la gloria finale della carnazza!

È quindi facile comprendere l’esigenza di ovviare alla minaccia delle limitazioni imposte dal lockdown, trovando una soluzione capace di mantenere alto lo spirito di una grande community pur in un periodo immobilità e con un calendario di eventi reso incerto se non addirittura impraticabile.

2. Aumentare l’hype: una Competition in streaming tra grillers di tutta Italia

Dati i presupposti, la soluzione che abbiamo sviluppato insieme al nostro cliente è stata quella di organizzare una vera e propria competition tra grill master, ovvero una sfida tra grigliatori esperti di tutte le regioni d’Italia, ma… rigorosamente in streaming e gestita totalmente da remoto!

Il format? Un presentatore, due concorrenti e le loro griglie che in ogni episodio hanno dato il via a una sfida, presentando ognuno nella sua location ricette tipiche regionali rivisitate alla griglia. 

Il tutto connesso e gestito in streaming dalla nostra regia, grazie a strumenti avanzati come StreamYard (strumento supercalifragilistichespiralidoso di cui abbiamo parlato in questo articolo).

In questo modo abbiamo preso 2 piccioni con una bistecca, anzi 3:

Mantenere viva e attiva la community, mantenendo vivo quel senso di “togetherness” che è il fulcro del piacere del BBQ.

Gestire il protrarsi della quarantena, grazie a un progetto snello attuabile completamente da remoto.

Rispondere ad un altro desiderio del cliente: “discover what’s possible”, ovvero quello di ampliare le possibilità della cottura alla griglia, rivisitando ricette tipiche e prodotti locali, per richiamare un pubblico food-lover più ampio.

Per 6 settimane il tabellone della competition ha scandito gli appuntamenti streaming, o meglio le sfide in diretta, con il vincitore di ogni tornata scelto grazie alle reaction del pubblico, fino alla grande finale con in palio per il vincitore un esclusivo modello di griglia Weber: il nuovissimo barbecue a pellet SmokeFire.

3. Comunicare l’evento: creatività e analisi del pubblico social per ovviare (con eleganza) alle limitazioni

C’è poco da girarci attorno: il progetto aveva un budget limitato, ma forse proprio per questo ci siamo ingegnati al meglio e abbiamo tirato fuori dal cilindro una soluzione niente male.

Diciamo subito che il budget previsto non prevedeva nemmeno la realizzazione di nuovi contenuti video o riprese professionali delle sfide, anche per questo abbiamo deciso di coinvolgere direttamente i Grill Master.

Loro hanno prodotto le loro presentazioni e le preview delle ricette che ad ogni sfida avrebbero grigliato: a noi il compito di confezionare il tutto.
Insomma un bel caso di User Generated Content che ha reso tutti felici e contenti!

Per dare massima visibilità alle dirette e ingaggiare nuovo pubblico, è stata pianificata un’intensa attività di post Facebook e Instagram pre-streaming, in modo da presentare di volta in volta i partecipanti e richiamare l’interesse sulle nuove sfide, fino alla finalissima.

Creatività, grafiche, animazioni, l’hanno fatta da padrone, il tutto senza un centesimo speso in ADV per promuovere l’iniziativa.

Il segreto? Le dirette su Facebook praticamente si promuovono da sole. 

Quando viene avviata una diretta tutti i fan della pagina ricevono una notifica sull’avvio della diretta, potete quindi immaginare che risultati può portare questa cosa su una community fidelizzata di oltre 120.000 persone.

Inoltre, stimolando la votazione direttamente tramite reaction abbiamo fatto in modo che gli utenti diffondessero l’evento tra i propri contatti, andando ad intercettare pubblico fresco e innescando così un circolo virtuoso di engagement.

4. Live Streaming: potenzialità e risultati

Portare sui social un format apprezzato come quello della sfida culinaria secondo lo spirito griller di Weber si è rivelata una scelta vincente, in grado di offrire uno spettacolo appassionante e coinvolgente.

Il fitto calendario di sfide, l’escalation della finale, la competizione tra regioni e ricette locali rivisitate creativamente, sono tutti elementi che hanno richiamato l’attenzione di una vasto pubblico, creando veri e propri fan e tifosi.

Proprio i post delle dirette hanno raggiunto un pubblico maggiore e un livello di engagement più alto rispetto agli altri contenuti, con dati in aumento via via che la sfida proseguiva: il format ha raggiunto consensi sempre maggiori, diffondendosi e aumentando la sua fama.

Tutte le tappe e le diverse fasi per promuovere e realizzare il progetto hanno portato a un ottimo risultato e alla conferma, in termini di partecipazione e traffico, delle potenzialità degli eventi live.

257.390 gli spettatori totali live

28.837 totale delle reaction live

51.520 spettatori live finale

9.839 totale reaction live finale

Insomma l’intero progetto si è rivelato un’opportunità di creare intrattenimento e Awareness in modo innovativo, economico e scalabile. 

Grazie a Stream Yard abbiamo superato i limiti di una situazione incerta come quella della quarantena, siamo riusciti a mantenere l’interesse degli aficionados e richiamare un nuovo pubblico ai valori del brand.

Non restare indietro, fai crescere la tua attività con un level-up digitale

Contattaci

COndividimi :)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Il Fortunatissimo

Il Fortunatissimo

Tre anni fa sono entrato in Super per un’informazione, da quel giorno vivo in sala server ed escogito piani di fuga per uscirne. Mamma, sono qui!